News

I poteri curativi dell’acqua

Idroterapia è riferito alle proprietà fisiche dell’acqua naturale, termale o medicata. Gli antichi Romani usavano le terme come parte integrante della loro civiltà, ed erano luoghi di cura e relax, dove tonificare il corpo e la mente.

Nell’acqua ebbe origine la prima cellula vivente e nel liquido amniotico, la cui composizione non è molto dissimile dall’acqua di mare, si trascorre la vita intrauterina, tanto è vero che in diversi centri specializzati nel “parto dolce” viene offerta alle partorienti la possibilità di far nascere nell’acqua il loro bambino.Il legame ancestrale che abbiamo con l’acqua è così forte che basta guardare il mare, un lago o una cascata per godere di benefici effetti e sentirsi immediatamente rinvigoriti. 

L’acqua non ha solo la capacità di pulire ma, a seconda della sua temperatura, rilassa e tonifica la muscolatura, ha potere analgesico, antinfiammatorio, stimola la circolazione periferica e il metabolismo.

In Italia esistono stabilimenti termali rinomati e splendidamente attrezzati, ma anche i moderni centri-benessere delle nostre città offrono una grande varietà di terapie e trattamenti che utilizzano l’acqua, per esempio la talassoterapia, praticata con acqua di mare ricca di sali minerali, che riduce lo stress, regolarizza la funzionalità tiroidea, allieva i dolori muscolari e combatte la cellulite.

Le grandi vasche idromassaggio sono poi in grado di combinare l’azione del caldo, dell’assenza di peso e del massaggio dando vita ad un’esperienza rilassante e terapeutica. La pressione dell’acqua calda utilizzata nell’idromassagio riesce infatti a rilassare e distendere i muscoli e riattiva la circolazione favorendo un generale rinnovamento dei tessuti.

Non è però indispensabile ricorrere a costosi trattamenti per godere dei benefici dell’acqua, perchè semplici forme di idroterapia si possono effettuare anche nella tranquillità del nostro bagno, tenendo presente alcune semplici regole:

Il bagno in acqua calda (intorno ai 37 gradi) agisce ad esempio da calmante del sistema nervoso, ed è quindi adatto in caso di stress e di insonnia. Il calore dell’acqua provoca inoltre una dilatazione dei vasi sanguigni con conseguente aumento del flusso del sangue e un maggiore apporto di ossigeno e nutrimento a tutte le cellule, favorendo il rinnovamento dei tessuti.

Meno gradevole del bagno in acqua calda, anche un bagno in acqua tiepida o decisamente fresca ha però la sua utilità: stimola e rinvigorisce la muscolatura, tonifica i tessuti, combatte la cellulite. Le docciature d’acqua fredda sono poi indicate per chi soffre di problemi alla circolazione e di gonfiori alle gambe e alle caviglie.

L’alternanza acqua fredda/acqua calda migliora in particolare la circolazione periferica, l’elasticità venosa e arteriosa e la tonicità muscolare. Per dare sollievo alle gambe, si devono immergono in modo alternato in acqua fredda e in acqua tiepida, per qualche minuto, ripetendo più volte l’operazione e terminando sempre con una doccia fredda. Il sollievo sarà immediato!

I benefici dell’acqua sono ulteriormente incentivati con l’aggiunta di estratti vegetali o sali marini. Ad esempio, decotti di maggiorana, salvia e timo hanno un effetto antireumatico, infusi di edera e ippocastano migliorano la circolazione e combattono la cellulite, estratti di alghe marine combattono la ritenzione idrica e i gonfiori. La doccia alternata si può applicare anche a braccia e ginocchia, tenendo presente gli stessi accorgimenti.

Sempre utilissimo il classico pediluvio in acqua calda, soprattutto se seguito da docciature fredde, indirizzando il getto d’acqua dal basso verso l’alto. Se i piedi sono gonfi, ottimo accorgimento è sciogliere nell’acqua un cucchiaio di sale grosso. Il sale, infatti, determina l’eliminazione dei liquidi che ristagnano negli spazi intercellulari, proprio come succede alle melanzane che si lasciano sotto  sale perché perdano acqua.

Meno conosciuta, ma molto efficace, è la doccia del viso, che stimola la circolazione, migliora lo stato della pelle fragile e spenta, agisce contro l’affaticamento degli occhi, il mal di testa, il mal di denti e le nevralgie del viso. Si effettua indirizzando il getto d’acqua, che deve essere non troppo forte, alternativamente sull’una e l’altra tempia, spostando poi il getto sulla fronte e infine circolarmente su tutto il viso.

Si possono effettuare in casa anche trattamenti per il seno, che stimolano la circolazione, rassodano i muscoli pettorali e tonificano i tessuti.
Anche n questo caso si devono alternare getti d’acqua calda e fredda, indirizzando il getto intorno ai seni, descrivendo più volte una sorta di “otto”. In alternativa, si può ricorrere a spugnature fredde, magari utilizzando acqua profumata con oli essenziali di menta, lavanda o arancio amaro.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: